Come portare in detrazione nel Modello 730/2019 le spese di Riqualificazione Energetica

C

riqualificazione energetica 2019

Come noto la normativa fiscale consente ai cittadini di portare in detrazione in sede di dichiarazione dei redditi le spese sostenute per migliorare l’efficienza energetica delle rispettive abitazioni. Si tratta, tuttavia, di un’agevolazione che, se pur estremamente importante sotto il profilo del ritorno finanziario per il contribuente, costituisce un grande grattacapo per quest’ultimo in sede di compilazione del proprio modello 730 dal momento che la disciplina di riferimento distingue gli interventi realizzati ai fini del risparmio energetico in varie categorie dal punto di vista

  • della percentuale di detrazione
  • del limite massimo di spesa su cui calcolare il ritorno finanziario
  • del livello di efficientamento energetico conseguito a seguito dei lavori effettuati
  • del periodo di effettuazione dei lavori

Pertanto, in questo articolo il nostro obiettivo è quello di fornire al contribuente un valido supporto operativo per il corretto inserimento dei dati all’interno della propria dichiarazione dei redditi inerenti le spese sostenute per i lavori di riqualificazione energetica.

 

DETRAZIONI SPESE RISPARMIO ENERGETICO: COME FUNZIONA

I contribuenti che eseguono interventi che comportano un aumento del livello di efficienza energetica degli edifici esistenti possono detrarre in sede di dichiarazione dei redditi una parte delle spese sostenute per tali lavori dall’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF).

In particolare, gli interventi oggetto di spesa rientranti nell’ECOBONUS 2019 possono essere raggruppati nelle seguenti macro-categorie:

  • Interventi di Riqualificazione Energetica Globale degli edifici;
  • Interventi effettuati sull’Involucro degli edifici esistenti;
  • Interventi finalizzati all’installazione di Pannelli Solari per la produzione di acqua;
  • Interventi per acquisto e posa in opera di schermature solari;
  • Interventi per acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili
  • Interventi finalizzati all’installazione di Impianti di Domotica.

In funzione della tipologia di intervento realizzato

  • la percentuale di detrazione varia dal 50% al 65% (70%-75% e 80%-85% se i lavori vengono eseguiti su condomini e in presenza di determinati requisiti);
  • il plafond (ossia l’importo massimo di spesa su cui calcolare la detrazione) varia da 000 euro a 153.846,15 euro;
  • i vari plafond sono cumulabili;
  • per alcuni interventi occorre valutare il periodo di effettuazione dei lavori.

 

DETRAZIONI SPESE RISPARMIO ENERGETICO: COME INSERIRE LE SPESE NEL MOD.730/2019

Le spese sostenute per l’efficientamento energetico degli edifici vanno indicate nella SEZIONE IVSpese per Interventi di Risparmio Energetico” righi E61 e seguenti della dichiarazione dei redditi.

risparmio energetico 730 2019Per le spese sostenute nell’anno 2018 occorre indicare le seguenti informazioni,

  • [campo 1] TIPO INTERVENTO: specificare tipologia di intervento effettuato (vedi tabella sottostante)
  • [campo 1] ANNO: indicare l’anno di inizio dei lavori
  • [campo 1] NUMERO RATA: indicare il numero della rata (se i lavori sono stati effettuati nel 2018 va indicato il numero 1)
  • [campo 1] IMPORTO SPESA: indicare l’importo complessivo dei lavori fatturati e pagati nel 2018

Ogni intervento rientrante nell’ambito dei lavori finalizzati al risparmio energetico di un edificio esistente devono appartenere ad una specifica categoria di riferimento. In base a quanto disposto dall’Agenzia delle Entrate gli interventi di efficientamento energetico sono classificati in:

COD. TIPO
INTERVENTO
LIMITE
SPESA
%
DETRAZIONE
LIMITE
DETRAZIONE
IMPORTO
RATA
PERIODO
LAVORI
1 Riqualificazione energetica su edificio esistente (no climatizz. invernali con caldaie a biomasse) € 153.846,15 65% € 100.000 € 10.000 dal 2008 al 31/12/2018
2 Involucro di edificio esistente (dal 01/01/2018 tranne acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi) € 92.307,69 65% € 60.000 € 6.000
3 Installazione di pannelli solari – collettori solari € 92.307,69 65% € 60.000 € 6.000
4 Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale € 46.153,84 65% € 30.000 € 3.000
5 Acquisto e posa in opera di schermature solari di cui all’allegato M del D.lgs. 311/2006 € 120.000 50% € 60.000 € 6.000 dal 01/01/18 al 31/12/2018
6 Acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale a biomasse € 60.000 50% € 30.000 € 3.000
7 Acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per controllo da remoto NON E’ PREVISTO UN LIMITE 65% NON E’ PREVISTO UN LIMITE dal 2016 al 31/12/2018
12 Acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi € 120.000 50% € 60.000 € 6.000 dal 2018 al 31/12/2018
13 Sostituzione di impianti di climatiz. invernale con caldaie a condensazione almeno pari alla classe A € 60.000 50% € 30.000 € 3.000
14 Acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori € 153.846,15 65% € 100.000 € 10.000 dal 2018 al 31/12/2018

 

Rispetto a quanto esposto nella tabella si precisa che:

  • le spese relative all’acquisto e posa in opera di schermature solari di cui all’allegato M del D.lgs. 311/2006 (CODICE 5) effettuate dal 01/01/2015 al 31/12/2017 godono della seguente agevolazione
    • limite spesa: € 92.307,69
    • limite detrazione: € 60.000,00
  • per l’acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale a biomasse (CODICE 6) effettuate dal 01/01/2015 al 31/12/2017 godono della seguente agevolazione
    • limite spesa: € 46.153,84
    • limite detrazione: € 30.000,00

Qualora gli interventi di riqualificazione energetica siano stati effettuati su parti comuni di edifici condominiali valgono le seguenti regole:

COD. TIPO INTERVENTO %
DETRAZIONE
LIMITE SPESA PERIODO LAVORI
8 Interventi sull’involucro dell’edificio con un’incidenza >25% della superficie disperdente lorda dello stesso edificio 70%

Quota parte di

€ 40.000 per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio

dal 01/01/2017

al 31/12/2018

9 Interventi finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguano la qualità media di cui al D.M. 26/05/2015 75%
10 Interventi su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 volti alla riqualificazione energetica e riduzione di 1 classe del rischio sismico 80%

Quota parte di

€ 136.000 per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio

dal 01/01/2018

al 31/12/2018

11 Interventi su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 volti alla riqualificazione energetica e riduzione di 2 classe del rischio sismico 85%

Lascia un commento